Origine del termine: para (intorno) odontium (dente) ossia dei tessuti di supporto del dente che includono la gengiva, il legamento parodontale, il cemento radicolare, l’osso alveolare e basale e la fibromucosa masticatoria.

La parodontologia si occupa di curare la salute dei tessuti gengivali e l’osso che circonda e sostiene il dente. Quando queste parti si ammalano possono provocare la perdita del dente. Tra le principali cause d’infiammazione vi sono il fumo, il diabete, ridotte difese immunitarie, scarsa igiene orale e malattie infiammatorie.

Lo scopo principale della parodontologia è quello di preservare la dentatura naturale.

Malattie parodontali sono le gengiviti (dove si osserva sanguinamento e arrossamento delle gengive accompagnati da dolore) e le parodontiti o piorrea (che portano alla distruzione dell’apparato di supporto dei denti).

Quando il danno si limita all’infiammazione superficiale della gengiva o se la distruzione dei tessuti di supporto è in fase iniziale e di entità modesta, è sufficiente l’eliminazione dei depositi batterici e del tartaro dalle tasche gengivali. E’ possibile curarle attraverso sedute di igiene professionale e levigature radicolari associate ad un adeguato mantenimento dell’igiene a casa.

Con le cure appropriate i tessuti possono dunque guarire senza alcuna conseguenza. 

Tappe della terapia parodontale:

  • diagnosi
  • cura delle cause (inclusa la levigatura radicolare)
  • terapia farmacologia
  • terapia chirurgica:
  • per l’eliminazione o la riduzione delle tasche
  • rigenerativa
  • muco-gengivale
  • terapia implantare
  • terapia di supporto parodontale

Allo Studio odontoiatrico Smorto e Sbardella viene prestata particolare attenzione alla cura della parodontite attraverso l’applicazione di tecniche innovative e minimamente dolorose.